Prova, mansioni, non concorrenza, durata minima, prolungamento del preavviso

I più importanti istituti “accessori” del rapporto di lavoro

03/12/2019 Milano

Immersion Codice IAI006/2019 Edizione 83108 in aula

All’atto della costituzione del rapporto, il datore può inserire nel contratto lo svolgimento di un periodo di prova, il patto di non concorrenza, nonché la clausola per cui una o entrambe le parti si impegnano a non recedere prima che sia decorso un determinato periodo di tempo. Molo importante in sede di costituzione del rapporto è anche l’individuazione delle mansioni cui sarà adibito il lavoratore: tali mansioni, nel corso del rapporto, possono, al ricorrere di talune condizioni, essere modificate in senso peggiorativo o migliorative. Infine, in fase di cessazione del rapporto, le parti sono libere di accordarsi circa una durata più lunga del periodo di preavviso e, se lo hanno previsto, di ricorrere alla tipizzazione delle ipotesi di licenziamento.

Obiettivi

Nel corso dell’incontro – che prevede una forte interazione tra docente e partecipanti – saranno esaminati il patto di prova, il patto di durata minima e il patto di non concorrenza, soffermandosi in particolare sulla nozione, sulla forma, sulle conseguenze connesse alla violazione di tali patti, nonché su taluni aspetti peculiari, anche alla luce delle numerose sentenze che si sono susseguite nel corso degli anni. Sarà inoltre esaminata la disciplina delle mansioni e del prolungamento del periodo di preavviso. Un approfondimento particolare sarà dedicato all’esame dell’istituto della “tipizzazione” delle ipotesi di recesso, assai poco conosciuto ma di fondamentale rilevanza.

Perfetto se sei:

HR Manager

Responsabile ufficio del personale

Consulente del lavoro

Avvocato

Metodologia didattica

L’argomento sarà affrontato innanzitutto esaminando il quadro normativo di riferimento al fine di comprendere tutte le regole per il corretto ricorso a tali istituti. Una volta illustrate le “regole generali”, con il costante coinvolgimento dei partecipanti – che potranno esporre casi e situazioni che devono gestire quotidianamente nelle proprie realtà – saranno esaminate tutte le possibili soluzioni pratiche per rendere più efficiente l’attività produttiva. Al termine del corso, i partecipanti possiederanno una conoscenza completa degli argomenti trattati e saranno in grado di affrontare queste delicate tematiche con sicurezza e competenza.

Programma

  • Patto e periodo di prova: nozione, forma, durata, recesso
  • Mansioni: nozione, assegnazione a mansioni inferiori o superiori
  • L’obbligo di repêchage alla luce dell’articolo 2103 del codice civile
  • Patto di non concorrenza: nozione, forma, durata, oggetto, corrispettivo, conseguenze della violazione del patto
  • Patto di durata minima: nozione, forma, conseguenze della violazione del patto
  • Prolungamento del periodo di preavviso: quando è possibile
  • Tipizzazione della giusta causa e del giustificato motivo: forme e procedure
  • Il punto sulla giurisprudenza più recente e rilevante

Docente

Daniele La Rocca

Daniele La Rocca

Consulente del lavoro

Documentazione

A tutti i partecipanti sarà fornita una dispensa operativa che consentirà, una volta tornati in azienda, di disporre di un vasto e articolato vademecum per gestire tali istituti con consapevolezza ed efficienza. Inoltre, INAZ metterà a disposizione degli iscritti l’accesso all’area riservata del Centro Studi, con la possibilità di scaricare ulteriore documentazione e news aggiornate.

Prova, mansioni, non concorrenza, durata minima, prolungamento del preavviso

Codice IAI006/2019 Edizione 83108

03/12/2019
dalle 09:30 alle 17:30

Milano
Centro Convegni Inaz, V.le Monza 268

Quota d'iscrizione Acquista online

oppure

Richiedi modulo ordine